Emicrania: sotto controllo senza pillole

PREVENZIONE

Emicrania: sotto controllo senza pillole

Se soffri di emicrania, sai quali farmaci assumere in caso di crisi. Ma puoi prevenire la comparsa di attacchi di emicrania se sai cosa li provoca.


Sapevi che ogni quattro o cinque donne con emicrania ne soffre solo un uomo? Gli esperti ritengono che il fatto che questa malattia abbia una prevalenza più femminile abbia molto a che fare con l’influenza che gli ormoni hanno su questa malattia. In effetti, i giorni prima delle mestruazioni sono quelli in cui le donne soffrono più attacchi di emicrania, ma non è l’unico fattore scatenante.

Anche nel caso di una malattia cronica, la frequenza degli attacchi di emicrania è molto variabile. Possono avere lunghi periodi senza crisi o subire attacchi quasi quotidianamente o ogni giorno, a seconda degli stimoli esterni o interni a cui è esposta la persona interessata e della risposta che il cervello ha in ogni momento. Identificare questi stimoli aiuta a prevenire le crisi. Vediamo quali sono i più comuni.

1. Stress e tensione emotiva

Molte persone con emicrania riconoscono che intense emozioni, pianti, risate o cambiamenti significativi nella loro famiglia, lavoro o situazione sociale sono spesso una chiara ragione per peggiorare la frequenza delle loro crisi. Anche il rilassamento dopo uno stress prolungato può portare ad avere il classico picco di mal di testa.

Sebbene non sia così facile prevenire la comparsa di sbalzi d’umore, è importante cercare di prevenirli o mitigarli facendo regolarmente esercizio aerobico lieve (camminando, nuotando …), con tecniche di rilassamento come lo yoga e mettendo da parte il tempo per attività ricreative che aiutano a “disconnettersi “.

2. Luce intensa

La maggior parte delle persone con emicrania è molto sensibile alla luce eccessiva e all’esposizione solare prolungata. La raccomandazione per loro è, quindi, di proteggersi con gli occhiali da sole durante tutto l’anno, di non rimanere troppo a lungo esposti e che in estate indossino un berretto o un cappello che proteggano la testa dal caldo.

3. Rumore

Il rumore agisce nella maggior parte degli emicranici come fattore scatenante per gli attacchi più forti. Per le persone più sensibili, è consigliabile non andare in ambienti molto rumorosi (concerti o bar molto affollati) o rimanere in essi il più breve possibile.

Durante gli attacchi di emicrania, riposare in una stanza isolata dal rumore, e meglio se è al buio, aiuta ad alleviare il disagio.

4. Mancanza di sonno

Un trucco che può funzionare molte volte è mantenere una frequenza del sonno costante. Sia la mancanza che l’eccesso di sonno spesso aumentano la frequenza delle fasi acute. Per questo motivo, alcune persone soffrono di emicrania solo nei fine settimana. Due ragioni di solito coincidono: lo stress settimanale e, soprattutto, alzarsi fino a due o tre ore dopo il solito.

Cercare di mantenere lo stesso programma di riposo ogni giorno della settimana, che sebbene possa essere un piccolo sacrificio, evita che molte persone debbano trascorrere il fine settimana con un attacco di emicrania che impedisce loro di mantenere la vita sociale e familiare desiderata.

5. Variazioni di pressione

Cambiamenti atmosferici (quando passiamo da una giornata calda e soleggiata ad una giornata piovosa e grigia, per esempio), molte persone si identificano come fattori scatenanti di attacchi di emicrania. È chiaro che questo fattore non è evitabile. Coloro che soffrono di crisi per questa causa di solito notano sollievo quando inizia a piovere e il tempo stabile ritorna.

Altri sono interessati da altre situazioni in cui ci sono anche cambiamenti nella pressione atmosferica, come lunghi viaggi in luoghi con altitudini più elevate rispetto a dove vivono. In questi casi, si consiglia di effettuare diverse soste lungo la strada per aiutare il cervello ad acclimatarsi. Sui voli aerei lunghi, si può fare poco ma si può preventivare di arrivare con un giorno di anticipo in modo da concederci il tempo di metabolizzare viaggio e cambiamento.

6. Altri farmaci

Farmaci come nitriti in pillole o cerotti somministrati a pazienti con cardiopatia ischemica o molti vasodilatatori usati molte volte senza una chiara indicazione sono spesso associati al peggioramento dell’emicrania.

Dovresti sempre consultare il tuo medico se noti un peggioramento del mal di testa quando inizi a prendere un nuovo medicinale, perché nella maggior parte dei casi ci sono farmaci alternativi che non produrranno questo effetto.

7. Eccesso o mancanza di esercizio fisico

L’intensa attività fisica produce attacchi di emicrania per molte persone. Questi casi sono facilmente prevenibili evitando lo sforzo eccessivo, soprattutto nelle ore di alte temperature durante l’estate. Mantenere una regolare routine di esercizio fisico, specialmente se si tratta di un tipo aerobico, sarà utile per le persone con emicrania.

8. Alcuni alimenti

La sensibilità delle persone che soffrono di emicrania è risultata essere accentuata dall’assunzione di determinati alimenti o dalla miscellanea degli stessi. Chiaramente i cibi troppo pesanti da digerire comportano un rischio ma non è sempre il cibo spazzatura a determinare lo scatenarsi dell’attacco. Un buon metodo è quello di tenere un diario alimentare per un tempo di almeno uno o due mesi in modo da riuscire ad identificare se esista o meno una correlazione tra le crisi di emicrania e l’assunzione di determinati alimenti in modo da poterli evitare in batteria e poter verificare l’effettiva correlazione.

9. Farmaci ormonali

I cambiamenti ormonali nelle donne, in particolare la caduta di estrogeni che precede le mestruazioni o che si verificano dopo la gravidanza e l’allattamento, sono responsabili della comparsa di un gran numero di attacchi di emicrania. I contraccettivi orali possono aggravare questi attacchi di emicrania se trasportano un’elevata quantità di estrogeni.

Tuttavia, questi farmaci aiutano molte donne che hanno periodi irregolari a controllare i loro attacchi di emicrania. Pertanto, è conveniente per ogni donna osservare attentamente l’effetto di questi farmaci.

10. Abitudini dannose

Il fumo è sempre dannoso per chiunque soffra di emicrania, poiché è una fonte di tutti i tipi di sostanze tossiche che danneggiano il cervello, ma si è scoperto che anche alcune marche di tabacco sono associate a un peggioramento maggiore dell’emicrania.

Abusare del caffè, ma anche il cambiamento nella sua frequenza di consumo (ad esempio, se smetti di bere nei fine settimana) è chiaramente correlato a un peggioramento della crisi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...